Io sono
Mi interessa

dettaglio della notizia

Questa è la pagina di approfondimento della notizia che hai scelto.

RICOSTRUZIONE POST SISMA
notizia pubblicata in data: sabato 24 novembre 2012

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24 ottobre u.s n. 249, il Protocollo d’Intesa firmato il 4 ottobre 2012 dal Ministro dell'Economia e delle Finanze e dai Presidenti delle Regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto in qualità di Commissari delegati, contenente i criteri e le modalità di attuazione del credito di imposta e dei finanziamenti bancari agevolati, ad interventi di riparazione, ripristino con miglioramento sismico, ricostruzione di immobili di edilizia abitativa e ad uso produttivo per la ricostruzione nei territori colpiti dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012.
Le risorse disponibili ammontano fino ad un massimo di a 6 miliardi di euro.

Il Protocollo, che attua quanto previsto dall’art 3-bis del decreto-legge del 6 luglio 2012 n. 95 e convertito con modificazioni, dalla legge n.135/2012 ammette alle agevolazioni:
a) i proprietari ovvero gli usufruttuari o i titolari di diritti reali di garanzia che si sostituiscano ai proprietari, delle unità immobiliari danneggiate o distrutte dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 e classificate con esito B (temporaneamente inagibile), C (parzialmente inagibile) o E (inagibile);
b) i proprietari ovvero gli usufruttuari o i titolari di diritti reali di garanzia che si sostituiscano ai proprietari delle unità immobiliari danneggiate o distrutte dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 e classificate con esito B (temporaneamente inagibile), C (parzialmente inagibile) o E (inagibile) che, alla data degli eventi sismici, risultavano concesse in locazione sulla base di un contratto regolarmente registrato ovvero concesse in comodato o assegnate a soci di cooperative a proprietà indivisa, e risultavano adibite a residenza anagrafica del conduttore, del comodatario o dell'assegnatario;
c) i proprietari ovvero gli usufruttuari o i titolari di diritti reali di garanzia o dei familiari che si sostituiscano ai proprietari delle unità immobiliari danneggiate o distrutte dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 e classificate con esito B (temporaneamente inagibile), C (parzialmente inagibile) o E (inagibile), sempreché locate ovvero date in comodato a soggetti temporaneamente privi di abitazione per effetto degli stessi eventi sismici;

d) i proprietari ovvero gli usufruttuari o i titolari di diritti reali di garanzia che si sostituiscano ai proprietari, e per essi il soggetto mandatario dagli stessi incaricato, delle strutture e delle parti comuni degli edifici danneggiati o distrutti dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 e classificati con esito B (temporaneamente inagibile), C (parzialmente inagibile) o E (inagibile), nei quali, alla data degli eventi sismici stessi, era presente un'unità immobiliare di cui alle precedenti lettere a), b) o c);
e) i titolari di attività produttive, ovvero colui che per legge o per contratto o sulla base di altro titolo giuridico valido alla data della perizia sia tenuto a sostenere le spese per la riparazione o ricostruzione delle unità immobiliari degli impianti e beni mobili strumentali all'attività danneggiati e dagli eventi sismici che, alla data degli eventi, risultavano adibite all'esercizio dell'attività produttiva o ad essa strumentali.


Le risorse stanziate dal Governo sono così ripartite: 93,50% in favore dell'Emilia-Romagna; 6,10% in favore della Lombardia; 0,40% in favore del Veneto.


LAVORI IN CORSO
-     Regione Lombardia adotterà a breve l’ordinanza contenente le “Specifiche tecniche per interventi di recupero su edifici lesionati dal sisma dichiarati inagibili”, chiamata a definire una metodologia di calcolo del contributo.
-     L’effettiva operatività del Protocollo d’intesa è condizionata ad ulteriori passaggi formali, una convenzione tra Cassa Depositi e Prestiti e ABI e quindi tra ABI ed istituti di credito. Il meccanismo dovrebbe divenire operativo da gennaio 2013 e consentirà al privato di ottenere dalla banca aderente al sistema il pagamento direttamente all’impresa dell’80% dell’importo della fattura, senza interessi e senza garanzie. Le domande di concessione dei finanziamenti agevolati dovranno essere corredate da almeno due preventivi acquisiti da imprese, nonché dalla documentazione richiesta dall’ordinanza regionale
-     Per coloro che, alla data di pubblicazione del Protocollo hanno già effettuato gli interventi di ripristino, con emissione di fattura e pagamento, potrà essere richiesto il risarcimento nella misura dell’80%, a valere sul fondo per la ricostruzione di cui al d.l. n. 74/2012, convertito nella legge n. 122/2012.






torna alla pagina precedente
cerca nel sito
motore di ricerca
Leggibilità
LeggibilitàVisualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica
 
clicca per visualizzare la cartina
 
<< novembre 2017 >>
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
             
 
Repubblica Italiana Regione Lombardia Unione Europea
area riservata
area riservata
clicca per ricevere sms informativi
clicca per partecipare ai sondaggi

Comune di Moglia
indirizzo:[Piazza Matteotti n. 2 CAP 46024 Moglia (Mn)],
 telefono: [0376/511411],  fax: [0376/557230],  p.iva: [00216270207],
 e-mail: [scrivi al comune],  PEC: [scrivi al comune]


Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl - Copyright © 2007 ::

sei il visitatore n°1182903